Tabucchi

Antonio Tabucchi non è mai morto, si è trasferito sulla strada che da Agonda va a Chaudi. In compagnia di un cane scorbutico con gli occhi gialli e i denti dispettosi, ha un baracchino dove vende biscotti, arachidi, creme sbiancanti e benzina in vecchie bottiglie d'acqua. Ogni tanto mastica qualche parola di portoghese, ma soprattutto ha imparato il konkani. Il suo sguardo è liquido, e sfuma tra palme e risaie, oltre le motociclette rissose e le mucche insonnolite, in attesa delle prime nubi di un monsone eterno.  

Post più popolari