vagabondi e randagi

"Un diritto che ben pochi intellettuali si curano di rivendicare è quello di partire all’avventura, è il diritto al vagabondaggio [...]
Per chi conosce il valore e anche la sensazione deliziosa della libertà nella solitudine (poiché si è liberi solo finché si è soli), l’atto dell’andarsene via è il più coraggioso e il più bello."

Nel paese delle sabbie, Isabelle Eberhardt (traduzione di O. Antoninetti)

http://lettureinviaggio.it/isabelle-eberhardt/

Post popolari in questo blog

Buddha on a rickshaw

viaggiare

Libritudine